Galleria Vittorio Emanuele II, Milano

L’estetica di una location raffinata, un’architettura elegante e una cucina innovativa ma tradizionale: Ristorante Cracco è la dimostrazione di come tutto questo possa coesistere in un unico spazio. Lo Chef Carlo Cracco è riuscito a far convergere un’esperienza al Ristorante, un incontro al Café, degustazioni in Cantina ed eventi privati, in un solo ambiente. Una realtà gastronomica polivalente, dalla prima colazione al drink dopo teatro, per trasmettere la ricerca costante di un’armonia sospesa tra tradizione e innovazione, emblema della sua cucina.

 

Café

Il Café, tra pareti dipinte a mano e mosaici in sintonia con l’architettura esterna, è il primo a dare il benvenuto in Galleria. Al suo bancone ottocentesco si può ordinare “le petit déjeuner” o scegliere tra brioches, praline e cioccolatini, tutto esclusivamente preparato nel laboratorio al piano superiore, un angolo dedicato alle creazioni del pastry chef Marco Pedron.

Il Café è anche un’oasi dove soffermarsi per un aperitivo all’interno del dehor immerso tra le piante e, ancora, il posto ideale per lunch o dinner informali con un menù gastronomico semplice ma completo.

Sala

Alessandro Troccoli

Pastry chef

Marco Pedron

Ristorante

Una boiserie grigio azzurra introduce alle tre sale e ai due privé del Ristorante al primo piano, ambienti che oggi ritrovano ed esprimono tutto il loro valore nascosto. Il menù propone portate inaspettate, come zuppa di pesce in crosta e tuorlo d’uovo marinato con asparagi verdi e tartufo nero, ma anche piatti della tradizione, come il riso mantecato alla zafferano, midollo alla piastra e ragù di fegatini.

All’interno del Ristorante, il Fumoir, un luogo d’altri tempi in stile Art Deco, messo in risalto da pareti rivestite da un filato metallico verde muschio, presenta una carta sofisticata a base di ostriche, spaghetti al caviale e una selezione speciale Spigaroli.

Sous chef

Luca Sacchi

Cantina

Una cantina ricca e particolarmente attraente, allestita al piano inferiore dentro vetrine in legno d’abete circondate da pareti rosso lacca: un’esposizione con più di duemila etichette e diecimila bottiglie, dedicata sia alla vendita che alla degustazione, con una selezione di vini principalmente italiani e francesi, per molti ancora inedita.

Sommelier

Alex Bartoli

Sala G. Mengoni

Un luogo privilegiato, con un accesso esclusivo riservato alle occasioni private. Concepita come uno scenario teatrale, questa sala al secondo piano permette di creare un ambiente su misura grazie alla mancanza di arredi fissi, fatta eccezione per il grande bancone del café in marmo di Levanto, tipico di uno stile anni ’20.

Galleria Cracco

In collaborazione con Sky Arte e Cantine Ferrari, il progetto Galleria Cracco coinvolge alcuni tra i più quotati artisti italiani e contemporanei nella realizzazione di interventi site specific, dedicati alle lunette che sovrastano le vetrate dell’ammezzato della Galleria, con tre vetrine d’arte fruibili 24 ore su 24.

Heterochromic di Patrick Tuttofuoco ha inaugurato il progetto fondendo arte e cucina, con una riflessione profonda e intimamente legata al concetto di identità. Ricorrendo al neon, l’artista ha trasformato le due lunette in occhi, quelli di Carlo Cracco e Rosa Fanti, dando vita a un’entità unica che unisce iridi diverse.

La scelta di rappresentare la vista deriva dalla condivisione tra Tuttofuoco e Cracco nelle rispettive ricerche: entrambi, anche se con strumenti diversi, sono legati da una comune ricerca in termini estetici e dal conseguente bisogno di comunicarla e condividerla.

Contatti

Galleria Vittorio Emanuele II, 20121 Milano
+39 02 876774
info@ristorantecracco.it

Café

Lunedì – Domenica: 08:00 – 24:00

Ristorante

prenotazioni@ristorantecracco.it
Lunedì – Venerdì: 12.30 – 14:00, 19:15 – 22:00
Sabato: 19.30 – 22:00
Domenica Chiuso

Sala g. mengoni

Per info e prenotazioni:
eventi@ristorantecracco.it